Argento

Fonti naturali:
L'argento è un metallo raro, presente nella crosta terrestre nella misura di 0,08 mg/Kg; si trova spesso come minerale grezzo in associazione con altri elementi.
Fonti antropiche:
Emissioni che derivano dalle operazioni di fusioni metalliche, manifattura e smaltimento di alcune attrezzature elettriche e fotografiche, combustione del carbone e dalla "inseminazione" delle nuvole (con ioduro d'argento) sono alcune delle sorgenti antropiche di argento nella biosfera.

Fonti naturali:
L'argento è un metallo raro, presente nella crosta terrestre nella misura di 0,08 mg/Kg; si trova spesso come minerale grezzo in associazione con altri elementi.
Fonti antropiche:
Emissioni che derivano dalle operazioni di fusioni metalliche, manifattura e smaltimento di alcune attrezzature elettriche e fotografiche, combustione del carbone e dalla "inseminazione" delle nuvole (con ioduro d'argento) sono alcune delle sorgenti antropiche di argento nella biosfera. I movimenti biogeochimici globali dell'argento sono caratterizzati dal rilascio dalle fonti naturali e antropiche in atmosfera, acqua e terra, trasporto ad ampio raggio di particolato sottile in atmosfera, deposizione umida e secca e adsorbimento al suolo e sedimento.
Esposizione ambientale:
- Ambiente acquatico: In soluzione, l'argento ionizzato è estremamente tossico per le piante e animali acquatici. La tossicità acuta dell'argento per le specie acquatiche varia drasticamente in base alla forma chimica ed è correlato con la disponibilità dell'argento libero ionizzato. Nei sistemi acquatici naturali, l'argento ionizzato è rapidamente complessato e assorbito dal materiale dissolto e sospeso che è solitamente presente. Le specie di argento complessato e adsorbito nelle acque naturali sono almeno un ordine di grandezza meno tossiche per gli organismi acquatici che lo ione argento libero. Gli ioni d'argento sono molto tossici per i microrganismi. A concentrazioni normalmente presenti nell'ambiente, la biomagnificazione dell'argento lungo la catena alimentare in ambiente acquatico è improbabile.
- Ambiente terrestre: E' stato dimostrato che l'argento inibisce gli enzimi coinvolti nel ciclo del fosforo, zolfo e azoto dei batteri nitrificanti nel suolo, a concentrazioni comprese tra 540 e 2700 mg di argento/kg. In generale, l'accumulo di argento da parte delle piante dal suolo è basso. Non sono stati trovati dati sugli effetti dello ione argento sui mammiferi selvatici. L'argento ionizzato (sotto forma di nitrato d'argento) è letale per i topi di laboratorio e per i conigli a 13.9 e 20 mg/kg di peso corporeo rispettivamente, attraverso iniezione intraperitoneale.
Gli Stati Uniti stabiliscono un valore massimo nell'acqua di 0,1 mg/l di argento. (EPA, National Secundary Drinking Water regulations, 2002)

Tossicità dell'argento
Abbiamo visto più sopra che la tossicità dell'argento si esplica soprattutto nella sua forma ionizzata.
Da qualche tempo si trovano sul mercato prodotti a base di argento colloidale che vengono proposti come antibatterici e antimicotici.
Prove recenti suggeriscono che le nanoparticelle di argento non possono, di per sé, essere capaci della uccisione dei germi. Ma differiscono da forme macro di argento in alcuni modi fondamentali. In primo luogo, la forma più piccola ha un grande rapporto tra la superficie e volume, il che aumenta notevolmente il potenziale di rilascio di ioni d'argento – che è la principale modalità di tossicità del nanosilver. Inoltre, queste nanoparticelle di argento possono essere abbastanza piccole da entrare nelle cellule o attraversare la barriera emato-encefalica, con conseguenze imprevedibili e che sono ancora oggetto di studio.
Altro grave problema è che l'utilizzo di argento come antibatterico ha una elevata probabilità di promuovere non solo la resistenza batterica allo stesso argento, ma anche la resistenza agli antibiotici.
Vi sono ricerche che hanno anche studiato la tossicità dell'argento per gli organismi acquatici e gli effetti sulle cellule umane in vitro. Un'altra area di interesse e di notevole incertezza, è stato il comportamento del flusso di nanoparticelle d'argento nell'ambiente, soprattutto in considerazione della elevata tossicità dell'argento elementare per gli organismi acquatici, tossicità che tra i metalli è seconda solo al mercurio.
Con l'analisi minerale dei capelli effettuata dal laboratorio Mineral Test® si può anche valutare la presenza o meno di uno stato di intossicazione da argento. Nei casi di utilizzo di argento proteinato (legato ad una proteina) per il trattamento del raffreddore nei lattanti, o di argento colloidale negli adulti, immancabilmente riscontriamo un'elevatissima quantità di argento nei capelli del bambino.

ARGENTO COLLOIDALE - TOSSICITÀ
1) Cochrane
2) stesso lavoro su PubMed:
Esistono prove INSUFFICIENTI per stabilire se medicazioni contenenti argento o agenti topici promuovano la guarigione delle ferite o prevengano l'infezione della ferita; alcune prove di scarsa qualità per SSD (silver-sulphadiazine) suggeriscono il contrario.

" ...... risultati, dose dipendenti, sulla tossicità in animali: morte, perdita di peso, ipoattività, alterati livelli dei neurotrasmettitori, enzimi epatici alterati, valori del sangue alterati, dilatazione cardiaca ed effetti sul sistema immunitario. ..."
Non ci sono prove sufficienti per raccomandare l'uso di medicazioni contenenti argento o agenti topici per il trattamento di ferite croniche infette o contaminate.
Sono stati trovati solo tre prove con una breve durata di follow-up. Ci sono prove insufficienti per raccomandare l'uso di medicazioni contenenti argento o agenti topici per il trattamento delle ferite croniche infette o contaminate.
Nonostante l'uso diffuso di medicazioni e agenti topici contenenti argento per il trattamento delle ulcere del piede diabetico, non esistono studi randomizzati o studi clinici controllati che valutano l'efficacia clinica. Studi sono necessari per determinare clinica, costo-efficacia e risultati a lungo termine, tra cui gli eventi avversi.
EFFETTI dell'ARGENTO SULLA SALUTE
Sali d'argento solubili, specialmente AgNO3, sono mortali in concentrazioni superiori ai 2 g (0,070 once). I composti dell'argento possono essere lentamente assorbiti dai tessuti del corpo, con conseguente pigmentazione della pelle bluastra o nerastra (argiria).

Articoli correlati

Amico Sole

Alluminio

Acido Ialuronico