Come parlano i cavalli

Alla domanda, come parlano i cavalli? La risposta è molto semplice.
Parlano chiaramente non solo con la voce, ma con tutto il loro corpo.
Solo che per ascoltarli bene, le nostre orecchie servono a poco, per ascoltarli e capirli servono il nostro cuore, i nostri occhi e le nostre mani.

Alla domanda, come parlano i cavalli? La risposta è molto semplice.
Parlano chiaramente non solo con la voce, ma con tutto il loro corpo.
Solo che per ascoltarli bene, le nostre orecchie servono a poco, per ascoltarli e capirli servono il nostro cuore, i nostri occhi e le nostre mani.
Con il cuore possiamo capire il motivo per cui decidono di avvicinarsi a noi; magari per fiducia, o per essere rassicurati, oppure per farsi proteggere .
Con le nostre mani, possiamo sentire la loro pelle quando vibra sotto le nostre dita, oppure attraverso i nostri occhi possiamo osservare con attenzione come si muovono le loro orecchie, dove rivolgono il loro sguardo, come muovono la coda, che posizione hanno le loro gambe o il collo. Attraverso il corpo, loro ci possono trasmettere molti messaggi, per esempio "Benvenuto amico!"- "Vai via da qui subito!".
Possiamo quindi affermare che, oltre a parlare, i cavalli sanno anche ascoltare molto bene tutto quello che noi li trasmettiamo. Ovviamente capiscono a modo loro!
La prima cosa che i cavalli possono percepire di noi, è il nostro corpo e poi i nostri pensieri. Cosa da non crederci!
Non dobbiamo dimenticarci che, il cavallo in natura è un animale che vive in branco ed è considerato una preda, ma malgrado sia diventato un animale domestico da migliaia di anni, il suo dna rimane comunque molto marcato, ed è per questo motivo che qualsiasi percezione di pericolo, per esso significa scappare.
Il rapporto che c'è tra l'uomo e il cavallo si può definire di scambio e rispetto reciproco.
Loro sono molto bravi a vedere dentro di noi, a percepire la nostra sicurezza e le nostre paure. Ad esempio, quando noi abbiamo dei dubbi su come avvicinarsi o come muoverci quando siamo vicino a un cavallo, a sua volta, il cavallo percepisce un segnale di pericolo.
Quando i cavalli non capiscono cosa vogliamo, comincia a fiorire in loro un problema che non tutte le persone riescono sempre a gestire bene, soprattutto quando la persona che li avvicina non ha idea di che tipo di rapporto voglia trasmettere al cavallo .
Quando cerchiamo di costruire una relazione con un cavallo, dobbiamo ricordarci che la forza può solamente creare un ostacolo e difesa.
Esistono molti libri, modelli e corsi per imparare ad approcciare e comunicare con i cavalli, ma servono solo per avere un'infarinatura di base, perché ogni cavallo è diverso dall'altro, ognuno con la sua personalità, proprio come noi.
Avvicinarsi ad una scuderia e sentire nitrire i cavalli, è bellissimo, ma quando parlano davvero con noi, non si può imparare su un libro, questo bisogna avercelo dentro e solo poche persone sono fortunate.

Articoli correlati

In vacanza insieme a Fido

Agility Dog

Ippoterapia