I fiori di sambuco

Il sambuco, nome botanico Sambucus Nigra, è una pianta appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae. Cresce in tutta Europa, dalle pianure alle zone di montagna.

La pianta ha l’aspetto di un arbusto che non supera i 4 metri di altezza. I fiori, molto profumati, sono di colore bianco crema e vengono raccolti nel periodo primaverile, i frutti invece hanno l’aspetto di piccole bacche nere e si raccolgono da agosto a settembre.

 

Elixyr n 19 22

Quali sono le sue proprietà curative?

Questa pianta è utile a rafforzare le difese immunitarie sia in fase preventiva che ai primi sintomi di raffreddore ed influenza. È considerato un buon antinfluenzale naturale grazie soprattutto alle sue proprietà diaforetiche (ovvero la capacità di aumentare la sudorazione) che consentono l’abbassamento della temperatura corporea in caso di febbre.

Si tratta inoltre di un rimedio diuretico, digestivo e lassativo, richiama infatti acqua nell’intestino facilitandone la regolarità. Vanta inoltre doti antinfiammatorie e antireumatiche, aiuta tra l’altro ad eliminare l’acido urico in eccesso nel corpo.

 

Gli effetti curativi della fioritura di sambuco nero saranno apprezzati anche da quelli di noi che soffrono di problemi di pressione sanguigna e malattie vascolari. Migliora l’elasticità delle pareti vascolari e riduce leggermente la pressione sanguigna.

 

Grazie sempre alla sua capacità di favorire la sudorazione, il sambuco è anche un buon rimedio depurativo che favorisce l’eliminazione delle tossine. Molto utile anche in caso di problemi alle vie respiratorie le cui mucose contribuisce a sfiammare, aiutando anche a fluidificare ed espellere il muco in eccesso.

Se assumete farmaci, comunque, è sempre bene chiedere il parere del proprio medico prima di iniziare a prendere qualsiasi tipo di rimedio naturale.

Petra Foltynova

Articoli correlati

Agricoltura biologica e agricoltura organica

Alimentazione e infiammazione

Artisan tea - un gioiello dallo Yunnan